la sicurezza sul lavoro la pretende chi si vuol bene!          











 
  l'Associazione    
link
    prima la salute  
 
 studi e c o   t u t e l a news
 
video    

l'inquinamento indoor

    tutela legale
  campagna
nazionale
per la riduzione
degli
inquinanti

presenti
nei

luoghi di lavoro

(AVVISO)
   
LA SOLUZIONE ITALIANA
    con
particolare
 riferimento
alle emissioni
di stampanti
e

fotocopiatori
laser

(AVVISO)
 
 

POSSIBILI SOSTANZE DEI TONER MUTAGENE

 
 

1.  Agente controllore di carica 84179-66-8

 

2006, test Ames positivo: http://www.epa.gov/oppt/tsca8e/pubs/8ehq/2005/may05/8ehq_0505_16033a.pdf

 

Aizen Spilon Black TRH; Spilon Black TRH; TRH , sono sinonimi   del composto CAS 84179-66-8:

http://www.guidechem.com/product/search_4-((N-Phenyl-N-p238.html

 

Ci sono brevetti di toner in cui vengono riportati I sinonimi del composto CAS 84179-66-8:

http://www.patents.com/us-6284422.html

 

Su una scheda di sicurezza del toner nel web ( www.oppictures.com/msds/ivr83091_msds.pdf ) viene riportato ai composti indicati con “chromium/azo dye complex”, tra cui il composto cas 84179-66-8, una "appendice 1".

L’"appendice 1" riporta scritto:  This product contains a toxic chemical(s) subject to the reporting requirements of Section 313 of Title III of the Superfund Amendments and Reauthorization Act of 1986 and 40CFR Part 372 .

 

2. Agente controllore di carica Bontron S 31

 

Utilizzando il motore di ricerca Google e le parole.  Bontron + Chromium” viene segnalato un libro:

 “High-technology applications of organic colorants -  di   Peter Gregory” 

Nelle pagine visibili nel web vi è scritto:

CI Acid Black 63 (7-2), which was marketed by Orient Chemical Industries as Bontron S31, is typical of the early 2:1 chromium complex azo dyes which function as negative CCAs (charge control agents). Howevers, this compound has two mayor defects: it is reported to be mutagenic (Ames positive) and has only borderline thermal stability. Therefore, it has been withdrawn from the marketplace. A recent paper implicates the nitro group as the causative agent both for the thermal stability and the reported mutagenic response.

 

In un recente  brevetto (25/11/2010), è riportato il possibile utilizzo del composto  Bontron S-31  come agente controllore di carica: http://www.faqs.org/patents/app/20100297546

 

3.    Agente controllore di carica denominato MEP – 51

In un   sito web di una azienda Koreana fornitrice di CCA (Control Charge Agent) vi è riportato un sale d’ammonio quaternario, denominato MEP – 51, positivo al test di Ames: http://kmnt.net/images/KMTcatalouge.pdf

Il MEP-51 dovrebbe corrispondere al P-51 dell’azienda Orient Chemical's: http://kmnt.net/e_prod_01.htm

 I Sali d’ammonio quaternari sono stati utilizzati in diversi toner con sistema positivo di carica elettrica, auguriamoci che possa essere un mero errore di scrittura.

4.    Resina Epikote 1004

Secondo quanto riportato da questo brevetto di toner ( http://www.freepatentsonline.com/5296327.html ):

It should be mentioned here that toner powders based on mixtures of polyesters and epoxy resins are known per se. U.S. Pat. No. 4,693,952 describes a toner powder which comprises a polyester resin and an epoxy resin such as, for example, Epikote 1004. However, due to the presence of reactive epoxy groups, a toner resin of this kind is mutagenic in the Ames test and also unstable in time …

Anche la sostanza, Epikote 1004, può presentare problemi nel test di Ames.

Per quello che si dice nel web la resina Epikote 1004 dovrebbe essere una miscela del bisfenolo A e epicloroidrina ( http://www.junbochem.com/download/1004.pdf ):

EPIKOTE Resin 1004 is a solid epoxy resin produced from bisphenol A and epichlorohydrin. It is of medium molecular weight, intermediate between that of EPIKOTE Resin 1002 and EPIKOTE Resin 1007. The resin contains an esterification catalyst.

 

In una scheda di sicurezza di toner ( http://www.lanier.com/msds/pdf/toner/cp222.pdf ) identificano la sostanza cas 25036-25-3 con Epichlorohydrin/Bisphenol A Type epoxy resin. Esistono altri toner che hanno utilizzato il composto cas 25036-25-3:

http://www.ecoserviceoffice.net/pdf/msds_b2.39_toner%20cas%2025036-25-3.pdf

 

5.    Nitropireni nel Carbon Black o nerofumo

Dalla Autorevole Monografia della IARC, volume n.93-6,  si parla del carbon black e su uno studio su topi con il tipo di nerofumo “Printex 90”.

Le caratteristiche descritte  del Printex 90, sono le dimensioni di 14 nanometri  e la concentrazione di noti IPA cancerogeni (vedere lo scritto in  grassetto).

Un vecchio studio degli anni 80 confermava la presenza di  IPA nei toner e la volontà di isolare ed eliminare queste impurità tossiche (Vedere studio riportato sotto).

E’ da capire se queste percentuali di IPA riportati nel Printex 90, siano un potenziale rischio per la salute, dato che dei patent (brevetti) di toner, come carbon black usano il Printex 90.

Dalla Monografia IARC 93-6:

Groups of 80 female Crl: NMRI BR mice, seven weeks of age, were exposed to highpurity furnace carbon black (Printex 90; primary particle size, 14 nm; specific surface area, 227±18.8 m2/g; MMAD of particles in the exposure chambers, 0.64 μm). The extractable organic mass of the carbon black was 0.04%; the content of benzo[a]pyrene was 0.6 pg/mg and that of 1-nitropyrene was <0.5 ng/mg particle mass.

Studio segnalante la riduzione del nitropirene nel carbon black del toner:

Nitropyrenes: isolation, identificaton, and reduction of mutagenic impurities in carbon black and toners. Rosenkranz HS, McCoy EC, Sanders DR, Butler M, Kiriazides DK, Mermelstein R.

Abstract. Extracts of selected xerographic toners and copies were found to be mutagenic in the Salmonella assay. The activity was independent of the xerographic hardware and process and was traced to nitropyrenes present as impurities in the carbon black, the toner colorant. Manufacturing process changes resulted in a substantial reduction of the nitropyrene content of the carbon black and thus in the mutagenicity of the corresponding toners. Nitropyrenes are potent frameshift mutagens, and possible mechanisms for their biological action are discussed.

 Brevetto di toner con carbon black Printex 90:

http://www.patentgenius.com/patent/7413837.html

http://www.patents.com/us-6177224.html

http://www.freepatentsonline.com/6326113.html

 

6.    1,3 BUTADIENE e STIRENE

1,3 BUTADIENE

1,3 Butadiene scheda tossicologica (riportato anche R 46 = può provocare alterazioni genetiche ereditarie) : http://www.ranierieditore.it/pdf/scheda%20tossicologica32005.pdf

Anche l’Inail dice che è una sostanza mutagena ( gruppo 2 )

http://www.inail.it/cms/pubblicazionieriviste/tuttititoli/medicina/agentichimici/AgentiChimiciMutageni.pdf

 

Scheda di sicurezza di toner con stirene -1,3 butadiene:

http://hazard.com/msds/f2/blv/blvgr.html

http://web.grcc.cc.mi.us/Pr/msds/financialaid/CannonCopierToner-Cannon.txt

STIRENE

lo stirene è utilizzato in tanti toner, esempio:

http://www.conncoll.edu/offices/envhealth/MSDS/administrativeoffices/ricoh-type-1150D-toner.pdf

 

studio segnalante aberrazioni cromosomiche in lavoratori esposti a stirene nell’industria della plastica: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/002751079400073E

Studio in cui segnalano una quantità rilevante di stirene, emesso da stampanti laser:
...In the case of laser printers, styrene concentrations measured in test chambers during printer operation were reported to be as high as 380 µg/m3 (87 ppmv) (Kagi et al. 2007).
For photocopiers, emission rates from four different copiers averaged 3,300 µg/hour, but one copier had an emission rate of 12,000 µg/hour (Leovic et al. 1996). General workplace styrene concentrations ranged from 89 to 1.5x106 µg/m3 (20–3.4x105 ppmv).  : http://www.atsdr.cdc.gov/toxprofiles/tp53-c6.pdf

 

Recente rivalutazione dello stirene: http://www.nytimes.com/2011/06/11/health/11cancer.html?ref=gardinerharris

 

7.    STUDI

Nanoparticle carbon black driven DNA damage induces growth arrest and AP-1 and NFkappaB DNA binding in lung epithelial A549 cell line.  http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18204159

Genotoxic effects of carbon black particles, diesel exhaust particles, and urban air particulates and their extracts on a human alveolar epithelial cell line (A549) and a human monocytic cell line (THP-1). http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11246222

Genotoxicity evaluation of individuals working with photocopying machines.   http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15364281?dopt=AbstractPlus

Genotoxicity study in lymphocytes of offset printing workers

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/jat.1098/abstract

 

Genotoxic effects of three selected black toner powders and their dimethyl sulfoxide extracts in cultured human epithelial A549 lung cells in vitro

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/em.20621/abstract

 

Genotoxic potential of the air in environments with photocopiers

http://www6.ufrgs.br/seerbio/ojs/index.php/rbb/article/view/1194/873

 

Review of recent epidemiological studies on paternal occupations and birth defects

http://oem.bmj.com/content/59/3/149.abstract

 

Paternal occupation and risk of birth defects in offspring

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8589087

 

Paternal occupation and congenital anomalies in offspring

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1785611

 

A job-exposure matrix for potential endocrine-disrupting chemicals developed for a study into the association between maternal occupational exposure and hypospadias

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12176761

SILICE

Nei toner vengono anche utilizzati dei composti con silice. La IARC (International Agency for Research on Cancer) nella
monografia del 1997 ha affermato che la silice cristallina inalata in forma di quarzo o cristobalite da sorgenti occupazionali è cancerogena per gli umani (Gruppo 1 dei cancerogeni); la silice in forma amorfa invece non è considerata cancerogena (Gruppo 3). Anche l'Inail ha pubblicato documenti e seminari per affrontare il problema della prevenzione con queste sostanze. La silice utilizzata nel toner è nella forma cristallina o amorfa? In diverse schede di sicurezza di toner non viene riportato il CAS della silice utilizzata. Inoltre è da considerare la dimensione della silice utilizzata; sulle patologie di polveri fini e ultrafini si sa ben poco, praticamente nulla se sono nanoparticelle di silice. Non a caso l'Università di Torino si è posto questo problema. Infatti hanno segnalato di fare uno studio dei meccanismi di citotossicità e genotossicità di nanoparticelle di silice e silicati fibrosi nanometrici. La Ricerca si è posta diversi quesiti.
1) le dimensioni nanometriche modificano il comportamento chimico e la tossicità della silice cristallina e dei silicati fibrosi?
2) le differenze tra silice amorfa e cristallina persistono quando hanno entrambe dimensioni nanometriche? In caso affermativo, quali altri fattori (reattività di superficie, metalli contaminanti, idrofobia, etc.), oltre alla cristallinità, sono coinvolti nel potenziale patogeno delle nanoparticelle di silice e sono responsabili delle differenze di tossicità tra silice amorfa e cristallina?

E' previsto uno studio della durata di oltre 2 anni e speriamo di avere presto delle risposte. Riporto due MSDS (scheda di sicurezza) di toner con cas di silice nella forma cristallina (CAS: 14808-60-7, la IARC segnala infatti questa sostanza nella forma cristallina e in quarzo come cancerogena) anche se è riportato sulla msds come silice amorfa.
Scheda di sicurezza
n 1 e scheda di sicurezza n 2

Il NIOSH, Organismo di controllo della salute americano, segnala la silice amorfa (CAS 7631-86-9) in grado di produrre la pneumoconiosi; questo composto è utilizzato anche in alcuni toner.
Nel web ci sono anche diversi brevetti di toner (N°1 e N°2) che citano la silice utilizzata come possibile causa della pneumoconiosi, ma non solo.
C'è anche nel brevetto chi cita che il toner di
dimensioni troppo piccole, non viene metabolizzato nei polmoni e c'è la possibilità di contrarre la pneumoconiosi.
When the particle size of the toner is too small, where a person handling the toner inhales the toner suspended in an atmosphere, there is a possibility that the toner inhaled in the lungs is not metabolized, resulting in diseases such as pneumoconiosis. Thus, there is a limit in the dry development method using a toner having a small particle size.
Motivo per cui bisogna stare sempre più attenti ad evitare esposizioni a particolato e polveri di toner


Studio recente su effetti delle nanoparticelle di silice - March 2009: "Size-Dependent Cytotoxicity of Monodisperse Silica Nanoparticles in Human Endothelial Cells", Dorota Napierska et al.

Silicio utilizzato nei toner di 10 nanometri


Oli Siliconici

Sono stati impiegati nelle fotocopiatrici degli oli siliconici per tenere puliti i rulli fusori del forno onde evitare inceppamenti della carta. Questi oli siliconici anche oggi sono utilizzati in alcune apparecchiature . Ad esempio quelle che hanno dei feltrini o rulli imbevuti di tale olio e che spesso sono insieme con la
nuova cartuccia toner da sostituire.
Tale olio utilizzato è il dimetilpolisiloxano,
olio con capacità di produrre formaldeide a temperature oltre i 150 gradi centigradi (i forni di oggi arrivano anche a temperature ben più alte, intorno ai 200 gradi). Tale proprietà è nota alle case costruttrici di fotocopiatrici e essi hanno fatto anche un loro studio sull'emissione della formaldeide.

Riporto alcune MSDS di quest'olio per fotocopiatrici:
Olio fusore Minolta
Olio fusore Brothers
Olio fusore Ricoh
Olio Fusore Nashua
Anche su quest'olio sono stati fatti degli studi tossicologici ma non mostrano danni rilevanti

Nel web è riportato
un documento, sull'utilizzo di composti siliconici; segnalano preoccupati proprio le indicazioni riportate da una scheda di sicurezza di olio per fotocopiatrici:
Also, silicone fluids may be neither as environmentally nor toxicologically innocuous as Talalay and Gundestrup (1999, 2002a) suggest. For example ..... indicates that dimethylpolysiloxane:
• Causes eye irritation upon contact;
• Can cause respiratory irritation and sensititization due to formaldehyde that is released upon thermal decomposition (T > 150º C);
• “Dimethylpolysiloxane is a questionable carcinogen with experimental neoplastigenic data. This compound is also considered tumorigenic by RTECS criteria2”
• Repeated skin contact may lead to development of dermatitis (dry red, cracked skin). This compound is a suspect carcinogen and reproductive toxin [emphasis added]
• When discharged in large quantities, aquatic life may be harmed. The LC50 for bluegill and rainbow trout species is 10g/liter.
There have also been media reports of sensitization and reaction of the immune system due to exposure to supposedly “inert” silicone-bearing surgical implants.....
  • Composti radioattivi

Tra le sostanze non palesemente citate, ma utilizzate in alcune fotocopiatrici, sono dei composti radioattivi emettitori alfa , utilizzati per evitare inceppamenti della carta.

Le radiazioni alfa non hanno un "potere penetrante" elevato e l’epidermide è sufficiente a bloccarli. Possono però creare dei seri danni se penetrano nell’organismo (inalazione, tramite ferite cutanee, etc).

Una sostanza di questa è notoriamente il Polonio , ma cercando tra i brevetti troviamo delle soprese: un  toner con Uranio, un toner con Carbonio radiattivo .

Non soprende che un'azienda giappone consigli alle donne inciata una distanza di sicurezza nell'uso delle fotocpiatrici per proteggersi da potenziali radiazioni .