la sicurezza sul lavoro la pretende chi si vuol bene!          











 
  l'Associazione    
link
    prima la salute  
 
 studi e c o   t u t e l a news
 
video    

l'inquinamento indoor

    tutela legale
  campagna
nazionale
per la riduzione
degli
inquinanti

presenti
nei

luoghi di lavoro

(AVVISO)
   
LA SOLUZIONE ITALIANA
    con
particolare
 riferimento
alle emissioni
di stampanti
e

fotocopiatori
laser

(AVVISO)
 
 

amine aromatiche presenti nei toner

 
 
2011 May 3. [Epub ahead of print]

Carbon Black Nanoparticles Impair Acetylation of Aromatic Amine Carcinogens through Inactivation of Arylamine N-Acetyltransferase Enzymes.

In sintesi viene provato che in molte lavorazioni dei nano tubi di carbonio

sono presenti delle amine aromatiche che provocano tumori.

Source

Univ Paris Diderot, Sorbonne Paris Cité, Unité de Biologie Fonctionnelle et Adaptative, CNRS EAC4413, 75013, Paris, France.

Elodie Sanfins†, Julien Dairou†, Salik Hussain†, Florent Busi†, Alain F. Chaffotte§, Fernando Rodrigues-Lima†, and Jean-Marie Dupret†*
Univ Paris Diderot, Sorbonne Paris Cit, Unit de Biologie Fonctionnelle et Adaptative, CNRS EAC4413, 75013, Paris, France
§ Institut Pasteur, Unit de RMN des Biomolcules, 75015, Paris, France
ACS Nano, Article ASAP
DOI: 10.1021/nn103534d
Publication Date (Web): April 28, 2011
Copyright © 2011 American Chemical Society
*Address correspondence to jean-marie.dupret@univ-paris-diderot.fr.

 

Abstract Image

 

http://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/nn103534d

 

2011 Apr;41(4):339-68. Epub 2011 Feb 24.

Hazard identification of particulate matter

on vasomotor dysfunction and progression of atherosclerosis.

Il particolato è un pericolo accertato

 nelle disfunzioni vasomotorie e nella progressione dell'aterosclerosi

Møller P, Mikkelsen L, Vesterdal LK, Folkmann JK, Forchhammer L, Roursgaard M, Danielsen PH, Loft S.

Source

Department of Public Health, Section of Environmental Health, University of Copenhagen, Øster Farimagsgade 5A, DK-1014 Copenhagen K, Denmark. pemo@sund.ku.dk

Abstract

The development and use of nanoparticles have alerted toxicologists and regulators to issues of safety testing. By analogy with ambient air particles, it can be expected that small doses are associated with a small increase in risk of cardiovascular diseases, possibly through oxidative stress and inflammatory pathways. We have assessed the effect of exposure to particulate matter on progression of atherosclerosis and vasomotor function in humans, animals, and ex vivo experimental systems. The type of particles that have been tested in these systems encompass TiO(2), carbon black, fullerene C(60), single-walled carbon nanotubes, ambient air particles, and diesel exhaust particles. Exposure to ambient air particles is associated with accelerated progression of atherosclerosis and vasomotor dysfunction in both healthy and susceptible animal models and humans at risk of developing cardiovascular diseases. The vasomotor dysfunction includes increased vasoconstriction as well as reduced endothelium-dependent vasodilatation; endothelium-independent vasodilatation is often unaffected indicating mainly endothelial dysfunction. Pulmonary exposure to TiO(2), carbon black, and engineered nanoparticles generate vasomotor dysfunction; the effect size is similar to that generated by combustion-derived particles, although the effect could depend on the exposure period and the administered dose, route, and mode. The relative risk associated with exposure to nanoparticles may be small compared to some traditional risk factors for cardiovascular diseases, but superimposed on these and possible exposure to large parts of the population it is a significant public health concern. Overall, assessment of vasomotor dysfunction and progression of atherosclerosis are promising tools for understanding the effects of particulate matter.

© 2011 Informa Healthcare USA, Inc.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21345153

Valutazione di genotossicità di silice amorfa e
di nanoparticelle di diverse dimensioni,
utilizzando il micronucleo e il plasmide lacZ mutazioni geniche

1Laboratorio per la salute protezione Research, Istituto nazionale per la salute pubblica e dell'ambiente (RIVM), Bilthoven, Paesi Bassi
2Dipartimento della salute all'analisi del rischio e tossicologia, Università di Maastricht, Maastricht, Paesi Bassi
3Biologia dei sistemi nano, centro per bioscienze molecolari, University of Ulster, Coleraine, Regno Unito
4Centro per le interazioni BioNano, scuola di chimica e biologia chimica, University College Dublin, Belfield, Dublino, Irlanda

Corrispondenza: Margherita Park, laboratorio di Health Protection Research, Istituto nazionale della salute pubblica e dell'ambiente, PO Box 1, 3720 BA, Bilthoven, Paesi Bassi.
+ 31 30 274 4446.
Margriet.Park@RIVM.nl

Abbiamo indagato il potenziale di quattro nanoparticelle di silice amorfa caratterizzate da capacità ad  indurre aberrazioni cromosomiche e mutazioni del genetiche utilizzando due prove in vitro di genotossicità.

Microscopia elettronica di trasmissione (TEM) è stata utilizzata per verificare la dimensione nominale del produttore di 10, 30, 80 e 400 nm, che ha mostrato di dimensioni effettive dell'11, 34, 34 e 248 nm, rispettivamente.

La 80 (34) nm - nanoparticella di silice ha indotto aberrazioni cromosomiche in del micronucleo utilizzando 3T3-L1 fibroblasti e il 30 (34) e 80 (34) nm silice nanoparticelle indotta da mutazioni del gene in fibroblasti embrionali che trasportano il gene del reporter lacZ .

Imaging TEM ha dimostrato che la maggior parte delle nanoparticelle sono stata localizzata nei vacuoli e non nel nucleo delle cellule 3T3-L1, che indica che il danno al DNA osservato molto probabilmente fu il risultato di meccanismi indiretti.

Ulteriori studi sono necessari per rivelare questi meccanismi e determinare la rilevanza biologica degli effetti di queste nanoparticelle particolare silice in vivo.

Effects of Nanoparticle Coverage

on the Adhesion Properties of Emulsion Aggregation Toner Particles

(effetti delle nanoparticelle aggregate per le loro proprietà di adesione ed emulsione nelle particelle di toner)

Journal of Imaging Science and Technology -- March/April 2010 -- Volume 54, Issue 2, pp. 020501-(7)

Huan Zhang, Weiqiang Ding, and Cetin Cetinkaya
Nanomechanics and Nanomaterials Laboratory, Department of Mechanical and Aeronautical Engineering, Clarkson University, Potsdam, New York

 

Il toner è un materiale critico nei processi di copiatura e di stampa.
Confrontato al toner polverizzato convenzionale, il toner polimerizzato di aggregazione dell'emulsione (ea) fornisce il controllo più preciso sopra la figura e la rugosità di superficie delle particelle. dovuto la relative rotondità e rugosità di superficie bassa, il toner vicino-sferico di ea sembra aderire più forte ai substrati piani, che è desiderabile per il trasferimento e lo sviluppo di toner efficienti.
Tuttavia, nella pulizia e nei processi di trasporto, dovuto adesione aumentata, è difficile da rimuovere il toner residuo di ea dalle superfici del fotoricettore e della cinghia di trasporto.
Per ridurre l'adesione del toner di ea in un modo controllabile, le superfici delle particelle di toner
sono ricoperte di nanoparticles del silicone con una gamma del diametro di 15-32 nanometro.
Nello studio corrente, una tecnica basata sul momento di resistenza di rotolamento del legame di adesione del particella-substrato è utilizzata per la misura dell'effetto del rivestimento della superficie del nanoparticle sull'adesione di diverse particelle di toner.
 
Con l'aiuto di un sistema su ordine di nanomanipulation, una forza di spinta laterale aumentante si è applicata ad una particella di toner specifica aderita ad un substrato di silicone mentre il pre-rotolamento ed i moti di rollio della particella in risposta alla forza di spinta laterale sono stati registrati. Il lavoro di adesione fra la particella di toner ed il substrato di silicone è stato estratto dalla curva laterale corrispondente di spostamento della forza-particella.
 La tecnica è stata usata per caratterizzare le proprietà di adesione sia delle particelle di toner di modello non rivestite (nudo) che nanoparticle-rivestite con un riempimento specificato di area di 50%.
 È trovato che il lavoro dei valori di adesione fra le particelle di toner sperimentali superficie-rivestite ed il substrato di silicone è quasi un ordine di grandezza più basso di quelli per quelle nude.

http://scitation.aip.org/getabs/servlet/GetabsServlet?prog=normal&id=JIMTE6000054000002020501000001&idtype=cvips&gifs=yes&ref=no