la sicurezza sul lavoro la pretende chi si vuol bene!          











 
  l'Associazione    
link
    prima la salute  
 
 studi e c o   t u t e l a news
 
video    

l'inquinamento indoor

    tutela legale
  campagna
nazionale
per la riduzione
degli
inquinanti

presenti
nei

luoghi di lavoro

(AVVISO)
   
LA SOLUZIONE ITALIANA
    con
particolare
 riferimento
alle emissioni
di stampanti
e

fotocopiatori
laser

(AVVISO)
 
  L'associazione  
 

Si è costituita in Roma IL 01/06/2011 l'associazione di fatto denominata "Eco Tutela", tale associazione non ha personalità giuridica e non chiede sovvenzioni né contributi in nessuna forma o modo che non sia la pura e semplice partecipazione democratica.

Non inviate Mai denaro che invece può essere meglio impiegato per la vostra personale tutela legale (professionale tramite un avvocato),  se siete nella sensibilità e possibilità di fare donazioni, esiste solo l'imbarazzo per un eventuale scelta che finanzi organizzazioni, università che si dedicano alla ricerca e/o all'assistenza nei temi cari all'associazione.

Ci permettiamo solo di consigliare nelle donazioni anche a celebrate ONLUS o Istituti di Ricerca di toccare con mano e verificare sempre il reale prestigio e come vengono destinati i fondi raccolti.

I denari sono Vostri e Vostra deve essere la scelta non vogliamo orientare le Vostre scelte.

 

In questo sito troverai informazioni dettagliate sul tema specifico dell'inquinamento indoor indotto dalla tecnologia di stampa laser:

emissioni di stampanti e fotocopiatori laser,

studi nazionali ed internazionali,

news,

malattie correlate,

contributi video,

documentazione,

sistemi di filtraggio.

reperiti nei siti più autorevoli di tutto il mondo.(AVVISO)

 

ATTO COSTITUTIVO

Gli associati dichiarano di voler costituire un'associazione per la tutela ecologica dei luoghi di vita e lavoro, con particolare riguardo e riferimento, dichiarano di impegnarsi verso le tematiche dell'inquinamento in-door o degli ambienti confinati, specialmente quando questi coincidano con i luoghi di lavoro degli associati, le abitazioni, le città dove vivono.
La sede

L'associazione darà denominata "Associazione Tutela Ecologica" ed avrà la sua sede nei seguenti spazi Web:   

                                                                                              www.ecotutela.it       www.ecotutela.net

Aspetti economici e patrimoniali
E' fatto espresso divieto all'associazione e agli associati a raccogliere fondi, per qualsiasi motivo e a qualsiasi titolo, l'associazione non ha né costituisce un patrimonio né fondi in comune.
Il coordinatore
L'assemblea dei soci eleggerà un coordinatore che avrà la rappresentanza dell'ente e mai un amministratore in quanto non esistono né esisteranno mai beni e fondi comuni.
Al coordinatore compete la gestione dello spazio Web ogni onere dello stesso e ogni responsabilità legale per i contenuti i esso contenuti sono a suo esclusivo carico.
Il coordinatore non può trarre alcun profitto neppure pubblicitario dallo spazio Web gestito, ogni link o banner di collegamento deve essere offerto a titolo gratuito.
Comunicazione tra i soci
Luogo di incontro e comunicazione tra gli associati è per elezione il WEB.

 

STATUTO

Titolo I Disposizioni generali

Art. 1. - E' costituita una associazione denominata:   "Associazione Tutela Ecologica";
L'associazione ha sede nel web ecotutela.it ogni comunicazione e notifica può essere  definita con posta elettronica certificata al coordinatore Teramo Franco:
franco.teramo@pec.it
Art. 2. - L'associazione è apolitica e non ha finalità di lucro si propone di promuovere in Italia l'applicazione della Legge di tutela vigente in tema di salvaguardia della salute e dell'integrità fisica nei luoghi di vita e di lavoro, con particolare riferimento verso le tematiche dell'inquinamento in-door o degli ambienti confinati.

A tal fine l'associazione potrà farsi promotrice di azioni legali individuali e/o collettive il cui onere sarà sostenuto dai diretti interessati all'azione legale di tutela.

Art. 3. -  L'associazione potrà dare la sua collaborazione ad altri enti per lo sviluppo di iniziative che si inquadrino nei suoi fini. Essa dovrà tuttavia mantenere sempre la più completa   indipendenza nei confronti degli organi di governo, delle aziende pubbliche e private, delle organizzazioni sindacali.

Art. 4. - Gli organi dell'associazione sono:

a) l'assemblea dei soci; b) il consiglio direttivo.

Titolo II - I soci

Art. 5. - Possono far parte dell'associazione le persone fisiche e le persone giuridiche che per la loro attività di lavoro o di studio interessate all'attività dell'associazione stessa.
Art. 6. - Il socio che intenda recedere dalla associazione deve darne comunicazione con P.E.C.

Titolo III - L'assemblea dei soci

Art. 7. - L'assemblea ordinaria dei soci, convocata su delibera del consiglio direttivo non meno di 20 giorni prima di quello fissato per l'adunanza, si riunisce sul blog dell'associazione o altro social network o in altra località fisica reale da indicarsi nell'avviso di convocazione, nel primo semestre di ogni anno, per deliberare su tutti gli argomenti di carattere generale iscritti all'ordine del giorno per iniziativa del consiglio direttivo, ovvero su richiesta condivisa da almeno cinque soci.
La data e l'ordine del giorno dell'assemblea sono comunicati ai soci per mail certificata o con quegli altri mezzi che il consiglio direttivo riterrà opportuni.

Art. 8. - Hanno diritto di intervenire all'assemblea tutti i soci non espulsi o dimissionari;

Per  la costituzione legale dell'assemblea e per la validità delle sue deliberazioni è necessario l'intervento di tanti soci che rappresentino almeno il 50 per cento degli iscritti;

Non raggiungendo questo numero di voti, la sessione è rimandata a non più di trenta giorni dalla prima convocazione; Nella seconda convocazione l'assemblea è valida qualunque sia il numero dei soci presenti o rappresentanti: La data di questa sessione può essere fissata nello stesso avviso di convocazione della prima.

Art. 9. - L'assemblea delibera a maggioranza di voti dei soci presenti.
Art. 10. - L'assemblea, all'inizio di ogni sessione, elegge tra i soci presenti un presidente ed un segretario. Il segretario provvede a redigere i verbali delle deliberazioni dell'assemblea. I verbali devono essere sottoscritti dal presidente dell'assemblea, dal segretario e dagli scrutatori qualora vi siano votazioni. Il voto è espresso tramite PEC o in caso assemblea in un luogo fisico per alzata di mano non è ammesso il voto segreto, ogni membro potrà verificare il voto proprio e degòi altri associati in apposite pagine del sito associativo.
Art. 11. - Assemblee straordinarie possono essere convocate per deliberazione del consiglio direttivo, oppure per domanda di tanti soci che rappresentano non meno della decima parte degli iscritti.

Art. 12. - I soci riuniti in Assemblea possono modificare il presente statuto ma non possono modificare gli scopi dell'associazione stabiliti e gli articoli 1, 2 e 3.

Per la validità delle deliberazioni di cui al precedente comma, è necessaria la presenza, sia di prima che di seconda convocazione, di almeno la metà dei soci ed il consenso di tre quinti dei voti presenti o rappresentanti.

Titolo IV - Il consiglio direttivo

Art. 13. - Il consiglio direttivo è nominato dall'assemblea ed è composto da non meno di tre soci come verrà determinato dall'assemblea stessa.
Per la prima volta la determinazione del numero dei membri e la loro nomina vengono effettuate nell'atto costitutivo.
Il consiglio direttivo dura in carica fino a revoca dell'assemblea dei soci.
Qualora per qualsiasi motivo il numero dei consiglieri si riduca a meno di due terzi, l'intero consiglio direttivo è considerato decaduto e deve essere rinnovato.
Tutte le cariche sono gratuite.

Art. 14. - Il consiglio direttivo è investito di ogni potere per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento e l'attuazione degli scopi dell'associazione e per la sua direzione ed amministrazione ordinaria e straordinaria.

In particolare il consiglio:

a) fissa le direttive per l'attuazione dei compiti statuari, ne stabilisce le modalità;

b) decide sugli iniziative da promuovere;

c) delibera sull'ammissione dei soci;

Art. 15. - Il consiglio direttivo si riunisce ogni volta che sia necessario, su iniziativa del presidente o di almeno un quarto dei consiglieri, e comunque non meno di una volta ogni tre mesi.

Art. 16. - Le deliberazioni del consiglio direttivo sono prese a maggioranza di voti dei  consiglieri presenti. In caso di parità di voti prevale quello del presidente.

Le deliberazioni del consiglio sono valide se alla riunione prende almeno un quarto dei consiglieri.

Art. 17. - La firma e la rappresentanza legale dell'associazione di fronte a qualsiasi autorità giudiziaria e amministrativa e di fronte a terzi sono conferite dal presidente.
 

Titolo V - scioglimento dell'associazione

Quando tutti i comandati all'azione di tutela della salute a partire dal lavoratore, il  datore di lavoro, il Magistrato, l'autorità di Pubblica sicurezza locale, il Sindacato, il Medico Competente, le ASL, l'INPS, L'INAIL, gli Ispettorati del Lavoro, Il Ministro e il Ministero della Salute e del Lavoro, i NAS con il loro efficiente nucleo Tutela Lavoro, riusciranno  ad intervenire tempestivamente e in maniera sistematica garantendo il rispetto delle Leggi questa associazione non avrà alcun motivo di esistere.

*****

per associarsi
franco.teramo@pec.it